Silas Hörler

Silas Hörler,  Bündner Herrschaft, Svizzera

0.75
Ettari
2
Vitigni
4
Vini
Andare a dormire soddisfatti grazie al parere dei clienti

Perché ha deciso di diventare un viticoltore?

All'inizio ero un cuoco, ma anche allora avevo un grande interesse per il vino. Questa passione cresceva sempre di più. Ho capito che cucinare era divertente, ma volevo imparare qualcos'altro, così mi sono formato come enologo in poco tempo. Dopo un soggiorno in Australia ho chiamato Andreas Davaz e gli ho chiesto se avessi potuto svolgere da lui uno stage. Sono rimasto lì per una settimana, dopodiché ho ricevuto una chiamata che mi comunicava che il direttore si era licenziato; da quel momento ho assunto la direzione della cantina.

Silas Hörler

Silas Hörler ha studiato cucina, ma la passione per il vino è sempre stata più forte. Ha concluso un apprendistato abbreviato come viticoltore, trascorrendo un anno con Peter Hermann a Fläsch e uno al castello di Salenegg a Maienfeld, portando a termine una delle migliori annate. A questo è seguito un soggiorno in Australia, in un'azienda vinicola. Dopo il suo ritorno ha iniziato uno stage presso l'azienda vinicola Davaz a Fläsch. Poco dopo, il capo dell’azienda si dimise e Hörler prese il comando. Dopo sei anni si trasferì a Weingut Schloss Salenegg a Maienfeld, lavorando come direttore operativo. Oggi gestisce lui stesso 75 aree e in più compra uva da ulteriori 40 aree.

Un inizio davvero ripido, allora?

Gestire una cantina così grande, da zero a cento, è stato un grande compito. Tuttavia, dopo sei anni di successi, ho smesso di concentrarmi sulle mie vigne e ho iniziato a spendere le mie energie sulla fattoria con 100 animali, azienda che ho rilevato nel 2016. Poco dopo, la proprietaria del castello Salenegg mi chiamò, dicendomi che aveva bisogno di un direttore per la fattoria.

La sua risposta?

Inizialmente la mia risposta è stata negativa, dato il lavoro che già dovevo svolgere. Poi ci siamo trovati, ed è così che ad oggi mi trovo a gestire questa cantina. Il castello di Salenegg è la più grande tenuta della Signoria Grigionese, misurata in base al terreno che occupa, e rappresenta ad oggi anche la mia occupazione principale. Come attività secondaria, produco il mio vino e gestisco l'azienda agricola.

Avete ancora tempo per gli hobby, al di fuori della viticoltura?

Io e mia moglie amiamo viaggiare in tutto il mondo. Sia in luoghi dove troviamo il caldo sia per ammirare l’orizzonte che si allarga. Siamo andati in America Centrale, abbiamo visitato Cuba ed il Sudafrica. Naturalmente ci piace conoscere anche le altre cantine; e non dovrebbe mai mancare nemmeno del buon cibo per quanto ci riguarda. Durante tutto l'anno non si hanno praticamente vacanze, ma in inverno si ha la possibilità di viaggiare più a lungo, questo è uno dei vantaggi del mestiere di viticoltore.

Mi piace poter rendere le persone felici con il mio vino.

Cosa apprezzate particolarmente la professione di enologo?

Il momento in cui ottengo un feedback positivo sui miei prodotti senza sapere come la gente mi ha trovato. Capita che completi estranei mi chiamino e si congratulino con me per un vino. Oppure che qualcuno mi manda foto in WhatsApp con il mio vino e due bicchieri; dicendp di non aver mai bevuto niente di così meraviglioso. Si va a dormire con una bella sensazione. Mi piace poter rendere le persone felici con il mio vino.

Da chi è composto il suo Team?

Siamo in due, io e mia moglie. Ci sosteniamo a vicenda. Di solito Martina fa la maggior parte del lavoro all'aperto, cioè tutto il lavoro rispetto la cura della vite, i cicli e la raccolta, mentre io sono responsabile della cantina. Anche mia suocera ci ha aiutato molto negli ultimi anni, ma ora ha 80 anni ed è felice di non doverlo più fare. La situazione è un po' diversa quest'anno perché abbiamo avuto un figlio.

Quali sono i lati negativi?

La non flessibilità. Ci sono alcune parti dell'anno in cui bisogna essere sempre presenti. Quando l'uva è matura e viene raccolta, non si può andare in vacanza. In realtà, durante tutto il periodo vegetativo del germogliamento, dall'inizio di maggio fino a ottobre compreso, è impensabile stare via per più di una settimana o due.

Di quale vino sei particolarmente orgoglioso e perché?

In ogni vino si possono apportare dei miglioramenti; questo è il modo di pensare del produttore. Si ha sempre la sensazione che qualcosa avrebbe potuto essere ancora meglio. Si cerca sempre di alzare il livello che si è già raggiunto. Quando non avrò più questa sensazione, dovrò fermarmi.

Quali progetti avere per la vostra cantina?

Sicuramente produrre un Bordeaux Cuvée. Significa un misto di Merlot-Cabernet Franc-Cabernet Sauvignon. Se un giorno avrò il mio vigneto, lo pianterò. La vedo come una sfida. Finora la gente ha sempre detto che la regione è troppo fredda, ma io non ci credo. Voglio dimostrare il contrario, perché come viticoltore si è in continuo sviluppo.

  • Prezzi di vendita diretta vantaggiosi

    Il vino arriva direttamente dalla cantina a casa vostra garantendo ai nostri clienti e viticoltori condizioni eque. Tutela e sicurezza del consumatore certificata.

    Altro
  • Consegna rapida

    La consegna avverrà entro due giorni lavorativi; per chi inoltra l'ordine nei giorni feriali entro le ore 13.00. I nostri set degustazione vi saranno recapitati già il giorno dopo.

    Altro
  • Spese di spedizione trasparenti

    Consegna gratuita per ordini superiori a CHF 150 a cantina.

    Altro