Patrick Thalmann

Winzerei Zur Metzg,  Zürich, Svizzera

2.8
Ettari
11
Vitigni
9
Vini
Con coraggio e costanza per un vino eccellente.

Quando si è sviluppato il suo interesse per il vino e la viticoltura?

Mi sono confrontato con una buona cultura del vino in tenera età a casa dei miei genitori ma, da adolescente, non mi interessava particolarmente. Solo quando sono stato addestrato come quartiermastro nell'esercito ho cominciato ad interessarmi al vino. In qualità di quartiermastro, ero responsabile del benessere culinario degli ospiti e quindi anche della selezione dei vini svizzeri che li accompagnavano, cosa che mi ha sempre dato molto piacere. L'interesse per il vino è rimasto anche durante gli studi e si è sviluppato in un'appassionata attività ricreativa. Sono un intenditore per il quale il buon cibo e i grandi vini sono fondamentali. Che si tratti del mio modo di vivere, delle amicizie, delle collaborazioni - tutto ha sempre ruotato e ruota ancora intorno al vino. Il vino ha fatto parte della mia vita per molto tempo e si è trasformato in una vera e propria passione.

Patrick Thalmann

Patrick Thalmann è in gran parte autodidatta, professionalmente l'ambizioso viticoltore proviene da un campo completamente diverso ma il vino ha sempre avuto un ruolo nella vita dell’indaffarato amante del Pinot. All'inizio Thalmann ha fatto della viticoltura un hobby che negli ultimi anni si è trasformato nella sua professione. L'ambizioso viticoltore ha acquisito le sue conoscenze sul vino durante il servizio militare come quartiermastro, in viaggi enologici e in molti corsi di vino (WSET, sommelier). Ha potuto inoltre approfondire le proprie conoscenze in un intenso scambio con gli amici viticoltori, durante i soggiorni in cantine all'estero e, non da ultimo, nel suo lavoro.

Ha cambiato carriera. Come ha acquisito le sue conoscenze e competenze?

Per lo più nel lavoro in vigna e in cantina, qui lavoriamo in modo molto semplice, il lavoro è manuale e utilizziamo una sola tecnologia. Ma naturalmente, in passato guardavo sempre molto da vicino, facevo molte domande e annotavo meticolosamente tutto ciò che valeva la pena conoscere. Sebbene io stesso abbia fatto molto, di gran lunga non tutto è stato autodidatta, ho anche dovuto acquisire molte conoscenze teoriche. Ho completato varie tappe, per esempio in Australia dove ho incontrato un pioniere nel campo della viticoltura biodinamica attraverso la mia cerchia di amici e ho potuto imparare molto da lui.

Un approccio sostenibile alla natura è importante per lei?

Sì, assolutamente. In futuro dovrà essere possibile fare a meno dei pesticidi chimici.

Perché ha deciso di affidarsi alla fermentazione spontanea completa per i suoi vini di punta?

Credo che chiunque si impegni per un'agricoltura sostenibile debba essere coerente anche in questo senso. Voglio il gusto pieno della natura in un bicchiere e raggiungo questa naturalezza solo con i lieviti che sono presenti nelle viti e che entrano in cantina durante la vendemmia. Inizia così la fermentazione spontanea. Tuttavia noi non interveniamo qui e anche se la fermentazione dovesse interrompersi, non interferiamo con nessun tipo di lievito.

Anche questo gioca un ruolo importante nella sua attenzione al Pinot Noir?

Certo. Soprattutto se si beve un Pinot Noir appena imbottigliato, un vino a fermentazione spontanea mi dà molto più piacere di uno che è stato pressato con lievito puro. Con il proprio lievito si ottiene un'autenticità speciale, la fermentazione spontanea funziona con poca tecnologia. Questo è per me un modo "burgundo" di creare il Pinot Noir. Successivamente, i miei Pinot Noir maturano a lungo in piccole botti di rovere: questo è il percorso dell’azienda vinicola ZUR METZG di avvicinarsi al Pinot Noir elegante e ricco di finezza.

Sono un intenditore per il quale il buon cibo e il buon vino sono essenziali.

Ha sempre avuto una preferenza per il Pinot Noir?

Mi ci è voluto un po' di tempo prima che mi innamorassi davvero di quest'uva. Si potrebbe dire che è una diva e non è esattamente facile, spesso non mostra tutta la sua bellezza e qualità quando è giovane.

Cosa distingue i vini di Metzg?

Sicuramente l‘attenzione su cinque diversi Pinot Noir. Abbiamo la pretesa di produrre alta qualità e di essere in grado di stare al passo a livello internazionale, per questo motivo ci concentriamo su una piccola gamma di dodici vini. Realizziamo Pinot Noir eleganti, filigranati e allo stesso tempo complessi in stile borgognone. Tutti i nostri Pinot sono invecchiati tra i 12 e i 30 mesi nella Borgogna Pièce, cioè in botti di rovere da 228 litri e diamo al vino il tempo di maturare - in botte e in bottiglia. Quindi al momento il Pinot Noir più giovane in vendita è un 2017. Grazie alla completa fermentazione spontanea, otteniamo risultati meravigliosi durante la pressatura.

Siete fortemente impegnati nella Weinland Zurighese?

Sì, perché la regione vinicola nel nord di Zurigo è ingiustamente una zona un po' dimenticata quando si tratta di produzione di grandi impianti e ciò è dovuto in parte al fatto che qui c'è poco turismo e una gastronomia di alto livello. Inoltre, in Svizzera c'è ancora un generale scetticismo nei confronti dei vini della Weinland Zurighese e questo si può avvertire nei diversi mercati di vendita degli altri cantoni. Anche i prodotti della nostra regione hanno difficoltà perché non c‘è sostegno finanziario per il marketing agricolo come in altre zone. Ecco perché è sempre stata una questione che mi sta a cuore promuovere la Weinland Zurighese.

Si posiziona in modo particolare grazie alla qualità dei suoi vini?

Nella Weinland Zurighese ci sono tre o quattro produttori che pigiano il Pinot Noir a livello internazionale. In breve, non ci sono molti Pinot di alta qualità della regione vinicola di Zurigo, e se è così, finora sono stati principalmente i vini bianchi ad aver ricevuto l'attenzione nazionale. Il nostro terroir è eccellente e diversificato, quindi credo fermamente che possiamo convincere gli intenditori della qualità dei nostri vini.

Cosa riserva il futuro?

In futuro vogliamo rendere la nostra offerta ancora più concentrata: in fondo, con tutta la nostra passione e la nostra micro-produzione di alcuni vini ci sono solo 900 bottiglie per annata e dobbiamo sempre considerare l'aspetto economico e l‘impegno. Il nostro Pinot Gris è un buon esempio, ci sono così tanti grandi Pinot Gris d'Italia con un ottimo rapporto qualità-prezzo. Quindi dovete chiedervi se lo sforzo che facciamo per il nostro Pinot Gris e il suo marketing ne vale la pena. Quando faccio un confronto con altri viticoltori, non è insolito che tali considerazioni riducano le dimensioni di un assortimento.

  • Prezzi di vendita diretta vantaggiosi

    Il vino arriva direttamente dalla cantina a casa vostra garantendo ai nostri clienti e viticoltori condizioni eque. Tutela e sicurezza del consumatore certificata.

    Altro
  • Consegna rapida

    La consegna avverrà entro due giorni lavorativi; per chi inoltra l'ordine nei giorni feriali entro le ore 13.00. I nostri set degustazione vi saranno recapitati già il giorno dopo.

    Altro
  • Spese di spedizione trasparenti

    Consegna gratuita per ordini superiori a CHF 150 a cantina.

    Altro